Ξεκινήστε μια νέα ομάδα Βρείτε ομάδες

ΣΥΝΔΕΣΗ

×

Lavoro, un terzo dei giovani che va all'estero con Erasmus+ poi ci rimane

Il programma Erasmus+, che consente anche ai giovani italiani di vivere un periodo all'estero per studio o tirocinio diu lavoro, in un caso su tre cambia definiivamente la vita ai nostri giovani. Lo evidenzia uno studio dell'Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche (INAPP).

I numeri di Erasmus+ e il mercato del lavoro

lavoro ed erasmusSecondo questo studio infatti, quasi un terzo dei ragazzi italiani è poi rimasto a lavorare all’estero. Il programma Erasmus+, una evoluzione del vecchio Erasmus universitario, da quando è stato varato nel 2014 ha portato fuori dal paese 31 mila i giovani per una esperienza di mobilità transnazionale, mentre 25 mila hanno svolto tirocini professionalizzanti in aziende europee. Oltre a questi ci sono 2.500 docenti che hanno svolto un’esperienza di insegnamento all’estero. La motivazione dei partecipanti in questi progetti è così elevata, che il 99,6% di loro porta a termine il percorso e oltre il 98% lo consiglierebbe a un amico.

L'opportunità offerta da questo progetto può quindi rappresentare un importante (ma non certo unico) antidoto al problema della disoccupazione giovanile, particolarmente grave nel mercato del lavoro in Italia. Inoltre l'esperienza all'estero migliora le soft skills, le capacità comunicative, relazionali e di adattamento ai contesti lavorativi e multiculturali, che sono risorse strategiche in un mondo sempre più globalizzato e interconnesso.

Più risorse per i progetti

Vista l'importantza di Erasmus, l'Istituto ha chiesto all’Europa di investire maggiori risorse nel programma. In Italia questo incremento c'è già stato, visto che la dotazione finanziaria è salita del 20% dal 2018 al 2019, arrivando a 54 milioni di euro (con 168 progetti totali). Va detto che se l'Europa attira molti italiani in cerca di esperienze di lavoro, è vero anche il contrario: l'Italia piace ai giovani europei, visto che siamo la quarta destinazione più apprezzata dagli studenti stranieri che ricorrono al programma Erasmus+. Bisogna però capire se le nostre imprese possano avere verso di loro lo stesso appeal delle aziende estere verso i giovani italiani.

Προστέθηκε από helena ricci στις 14 Οκτ 2019 στις 10:11 Π.Μ. | Σχόλια (0)
| |
Προηγούμενα σχόλια...
Europe
America
Asia
Africa
Oceania
  • Europe
  • France
  • Hungary
  • Italy
  • Deutschland
  • România
  • España
  • Portugal
  • Greece
  • United Kingdom
  • Ireland
  • Serbia (Cyrillic)
  • Serbia (Latin)
  • Serbo-Croatian
  • Bosnian
  • Montenegrin (Latin)
  • Russia
  • USA
  • Brasil
  • Ecuador
  • Chile
  • Argentina
  • Indonesia
  • 中国
  • South Africa
  • Australia
  • New Zealand
×
Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. Learn more